WiMax - Ma funziona davvero?

La gara per l'appalto delle frequenze del WiMax è ormai stata vinta e tutti avremo consultato almeno una volta l'elenco con le relative offerte; da allora, assorbito da mille altre cose in ambito lavorativo, ammetto di essermi impostato in "waiting mode" aspettando passivamente che qualcun altro si mettesse a documentare dettagliatamente lo stato di avanzamento dei lavori.



Oggi, sfruttando il viaggio in treno (che per li ******* delle ferrovie Nord, è un convoglio dell'ante-guerra sprovvisto di aria condizionata... ma questa è un'altra storia...) e la connessione UMTS "offerta" per soli 30€ al mese dalla TIM, mi sono messo a fare qualche ricerchina un po' dettagliata per cercare di capire meglio come si stavano muovendo le cose in casa WiMax...



Di informazioni circa lo stato dei lavori non ne ho trovati, a parte notizie su alcune testate dove ci si lamenta perchè in alcuni paesi mancano le case, distrutte da calamità natuali, e il comune, o chi per esso, ha pubblicizzato l'avvento delle nuove connessioni internet disponibili per tutti.

Però ho trovato qualcosa di molto più interessante. Dal 2004 la fondazione Ugo Bordoni (http://www.fub.it/) con la collaborazione di alcune grandi società sparse sul territorio italiano, ha condotto alcuni esperimenti con la tecnologia WiMax (http://wimax.fub.it/) e i risultati sono sorprendentemente... deludenti.



Cito come esempio, giusto perchè ce l'ho qui sotto mano, la sperimentazione condotta da Siemes in alcune aree del nord italia (tutti i dettagli li potete comunque trovare sul sito della fondazione http://wimax.fub.it/html_pages/risultati_della_sperimentazione.htm).

Tralasciando la parte prettamente ingegneristica su potenza del segnale, rumore, ecc. che potrebbero risultare ad alcuni non facilmente comprensibili, andiamo a parlare direttamente del dato che sicuramente tutti gli internauti del mondo possono capire al volo: la velocità di trasferimento, o banda passante.

Ebbene dai test effettuati su Milano (per la precisione la sede della Siemens è a Cassina de Pecchi a nord di Milano) nelle viette della città si riceve praticamente 0!!



Vediamo qualche esempio:



Settore EST



SS2 - distanza: 1Km - Banda (Mb/s): 5.02

Posizione 1 - distanza: 0.25Km - Banda (Mb/s): 1.68

Posizione 5 - distanza: 0.62Km - Banda (Mb/s): 0.84

Posizione 6 - distanza: 0.71Km - Banda (Mb/s): 0.84



Settore OVEST



SS5 - distanza: 2.5Km - Banda (Mb/s): 0.84

Posizione 1 - distanza: 2.4Km - Banda (Mb/s): KO

Posizione 2 - distanza: 2.3Km - Banda (Mb/s): KO



Ottimo ad un 1km di distanza dall'antenna di trasmissione la velocità è di ben 5Mbit... beh non male dai, le attuali linee di connessione ADSL dichiarano di andare a 7 ma poi vanno molto meno (dipende dai momenti della giornata). Peccato che il WiMax dovesse garantire velocità stratosferiche coprendo un'area di circa 50Km...

Secondo i proponenti di WiMAX l'ampiezza di banda sarebbe sufficiente a supportare simultaneamente almeno 40 aziende con connettività di tipo T1 e 70 abitazioni con connettività al livello di una DSL da 1 Mbit/s.)

Fonte Wikipedia



Ma procediamo nella lettura: sulla strada a 250 metri dall'antenna i Mb diventano 1.68... sempre meglio; a 2.4Km dall'antenna il segnale non lo si riceve nemmeno!!!



Se continuate a leggere i vari test che sono giunti alla fondazione vi accorgerete che i risultati riprongono più o meno sempre la stessa situazione (ammetto di aver preso quelli forse più disastrosi, ma gli altri, come ho detto, non mostrano una situazione di migliore di questa).

Il WiMax funziona abbastanza bene finchè si resta in vista dell'antenna, quando cominciano ad esserci ostacoli però il segnale deteriora a livelli disastrosi. Quindi per colmare il digital divide che vede ancora molte zone d'italia sprovviste di accesso ad internet a banda larga, sarà sufficiente andare a mettere delle antenne WiMax davanti casa degli sfortunati senza ADSL e, naturalmente, collegare gli apparati WiMAX alla rete internet attraverso un cavo in fibra ottiva (da stendere fino praticamente a casa delle persone che ancora non hanno connessione a banda larga)... allora mi domando: a quel punto non sarebbe meglio fornirgli la connessione via cavo?



Quindi cambiate gli occhiali perchè per il WiMax dovrete vedere davvero lontano! ;)

E soprattutto WhyMax???